La calma dopo lo strom: Bitcoin recupera $57K e Ethereum sopra $2K

Nonostante abbia raggiunto un minimo di 10 giorni a 55.500 dollari, il dominio di BTC ha riguadagnato un po‘ di terreno, dato che il bitcoin recupera 57K dollari, mentre ETH si trova sopra i 2.000 dollari.

Bitcoin è sceso al suo punto più basso in oltre una settimana sotto i 56.000 dollari, ma ha recuperato alcune delle perdite e attualmente si trova sopra i 57.000 dollari. La maggior parte delle altcoin hanno ritracciato ancora di più, compreso un calo di prezzo a due cifre per il volano Ripple (XRP) ed Ethereum che è sceso brevemente sotto i 2.000 dollari.

Il dominio di BTC aumenta nonostante il calo

Gli ultimi giorni non sono andati molto bene per la criptovaluta primaria. Dopo aver fallito nel superare i 60.000 dollari in numerose occasioni, l’asset ha invertito la sua traiettoria e si è diretto a sud.

Bitcoin ha raggiunto 59.400 dollari giovedì, ma la sua incapacità di sostenere lo slancio verso l’alto ha dato agli orsi l’opportunità di spingerlo verso il basso, il che ha portato ad un calo del prezzo di 4.000 dollari in meno di 48 ore.

Ieri è stata una giornata di trading particolarmente dannosa per il Bitcoin Pro, poiché è crollato ad un minimo di circa 55.500 dollari. Questa è stata la linea di prezzo più bassa dalla fine di marzo.

Vale la pena notare che questo ritracciamento è arrivato mentre il premio del kimchi sudcoreano si è normalizzato dopo un massimo annuale. Come riportato da CryptoPotato, tali sviluppi portano tipicamente ad un calo dei prezzi.

Tuttavia, la criptovaluta ha rimbalzato e ha recuperato più di 1.500 dollari dal suo minimo. Al momento di scrivere queste righe, il BTC si trova appena sopra i 57.000 dollari.

Sul lato positivo, il mercato delle altcoin ha ritracciato ancora di più. Di conseguenza, la capitalizzazione di mercato del bitcoin ha recuperato un po‘ meno dell’1% e si trova intorno al 55% dopo essere scesa ieri sotto questo livello.

Monete alternative in rosso

Le monete alternative sono andate a gonfie vele nell’ultima settimana circa, registrando nuovi record. Ripple è stato tra i migliori performer, aggiungendo il 100% del valore in quel lasso di tempo, raggiungendo un massimo di 3 anni a oltre $1,10, e diventando la quarta criptovaluta più grande per market cap.

Tuttavia, XRP ha ritracciato con circa l’11% da ieri, nonostante il CEO della società abbia affermato che l’udienza contro la SEC è andata bene per il processore di pagamento.

Ethereum è sceso sotto i 2.000 dollari, ma è salito leggermente e attualmente si trova a 2.020 dollari. Anche Binance Coin (-2%), Polkadot (-4%), Cardano (-6%), Uniswap (-2%), Litecoin (-5%) e Chainlink (-5%) sono in rosso.

La situazione delle altcoin a bassa e media capitalizzazione è significativamente più volatile, come ci si poteva aspettare. Elio (-15%), Ontologia (-14%), Qtum (-14%), NEM (-12%), EOS (-12%), Waves (-11%) e Bitcoin SV (-10%) hanno anche ritracciato a due cifre.

D’altra parte, WazurX (37%), 1inch (23%), Enjin Coin (23%), Harmony (21%), PancakeSwap (12%), Yearn.Finance (12%) e Conflux Network (10%) hanno guadagnato di più da ieri.